PUGLIA TALENT, UN SUCCESSO LA TERZA TAPPA. LE FOTO

12364061_10205414727071018_380719145_o

12339615_573786782762610_7806715286890091175_o

12365934_923597967696047_5051870732007124942_o

Terza tappa di Puglia Talent a Castellana Grotte, sull’ampia terrazza, coperta, del ristorante Marion. Una tappa dedicata in particolare ai talenti della passerella con tanti ragazzi e ragazze che hanno sfilato, ma non solo. Diversi anche i talenti canori intervenuti come ospiti alla serata voluta come sempre dal presidente dell’associazione Talento Inedito, Michele Pezzolla. Giuria di qualità con i vincitori dell’edizione 2014-2015 di miss e mister Puglia Talent, Piero Facendola e Dora Daddabbo, Franco Miceli, organizzatore di eventi musicali e il principe David Vallarelli Braccio D’Oria, arguto commentatore e mai immune al fascino discreto della mondanità.

Questa volta ai 15 partecipanti è stato chiesto, soltanto un’ora prima dell’inizio della serata, di proporre al pubblico qualche momento di spettacolo. Un modo per saggiare anche le loro capacità di saper improvvisare, quindi senza preparazione e senza preavviso. Ed è stato un successo. Alcuni, di loro al di là delle sfilate in passerella, hanno colto al volo l’opportunità offerta e hanno potuto mostrare le proprie doti artistiche.

Infatti Pasquale Gambacorta e Debora Iacobbe si sono esibiti in una sensualissima baciata, Debora fra l’altro è campionessa regionale di ballo. Giulia Tagliente si è cimentata in un affascinante monologo tratto dal film “La moglie assassina”, Claudia Buonfiglio ha ballato e recitato un famosissimo pezzo del musical “Grease”, Marilù Scavo e Angelica Iacovelli hanno dato sfoggio delle loro abilità con un divertente pezzo di cup-song, in pratica un canzone accompagnata dal ritmo di un bicchiere di plastica. Insomma vere e proprie scoperte di talenti in erba.

La serata, presentata da Beppe Stallone e Liliana Miccoli, si è aperta con la piccola e potente Denise De Giglio con un pezzo di  Giorgia “Non mi ami”, quindi sempre per restare in tema di giovanissimi i piccoli ballerini Francesco e Lorena con un mix di baciata, pizzica e merengue. Poi la prima uscita di miss e mister con abbigliamento casual. Abiti presentati come sempre da Anteprima, sponsor della manifestazione, noto showroom di abbigiliamento, in via Conte di Torino 3 a Monopoli.

 In ordine: Ilenia Iacobbe, Monica Vacca, Marilù Scavo, Claudia Buonfiglio, Debora Iacobbe, Miriana Dell’Avvocato, Ilenia Vessio, Pamela Distante, Giulia Tagliente, Angelica Iacovelli e poi i ragazzi Pietro Campanelli, Francesco Meuli, Luigi Maurmo, Pasquale Gambacorta, Vito Ninivaggi. Qualche lievissima incertezza da parte di qualche concorrente, ma nel complesso hanno sfilato tutti molto bene con scioltezza e classe e gli applausi del pubblico infatti non sono mancati. Spazio quindi alle canzoni con una new entry Gabriele Rosato che, accompagnato dalla chitarra di Pietro Salamida, ha cantato un pezzo molto noto di Sergio Cammariere, live anche l’esibizione di Maria Teresa Amato, già vincitrice per la provincia di Brindisi della finale di Puglia Talent 2015. Un’altra bella novità l’esibizione canora di Marsida Lupi, una ragazza di origini albanesi che ha colpito un po’ tutti e sicuramente si farà valere nelle prossime tappe di Puglia Talent dedicate ai cantanti. In scena anche il veterano Jenny che ha cantato un suo pezzo intitolato “Noi due”  e un piacevole duo, Gabriele Rosato e Maria Teresa Amato accompagnati da Pietro Salamida, che hanno cantato “L’amour toujours”. Poi poco prima della uscita finale di miss e mister, gli scatenati e giovanissimi rapper di casa nostra Naygh, Pablito e Mirror. Serata trascorsa piacevolmente con il gran finale e la passerella in abito elegante. Sulle basi musicali scelte da Angelo Manghisi, i 15 concorrenti hanno incantato pubblico e giuria. E il verdetto, come a volte accade, non è stato semplice, tanto che i giurati hanno in pratica scelto ex aequo due ragazze e due ragazzi a cui sono andate le rispettive fasce di vincitori della terza puntata di Puglia Talent. Ilenia Vessio in uno splendido abito rosso e Giulia Tagliente, abito nero e riccioli biondi. Fra i ragazzi hanno colpito nel segno Pietro Campanelli, sguardo che ricorda molto da vicino quello di un mostro sacro del cinema come Richard Gere e il simpatico e sorridente Luigi Maurmo.

Comments are closed.