PUGLIA TALENT, SERATA DI SUCCESSO NEL TEATRO “BIANCO MANGHISI”

12615336_588869427921012_4327034577373787469_o

12605534_588851247922830_5588397202554134474_o

Puglia Talent, edizione 2016, si svolge per la prima volta in un teatro. In un piccolo teatro che, al momento è però l’unico contenitore per spettacoli teatrali e musicali di Monopoli, in attesa che terminino i lavori per l’ex cinema Radar. Proprio nell’auditorium Bianco Manghisi si è tenuta un’altra tappa del festival canoro ideato da Michele Pezzolla, presidente dell’associazione Talento Inedito. Tappa importante quindi non solo perché si è tenuta in un teatro ma anche per il livello della giuria. Infatti da Roma sono giunti Francesco Falzarano, titolare della Hammer Music Italia, Maria Rosaria Perrilli, direttore della stessa casa discografica, sempre da Roma Gianluigi Farina, arrangiatore della Hammer Music e il nostro maestro di chitarra classica, docente al conservatorio di Monopoli e reduce da un concerto negli States, Marco Carnicelli. Non solo canzoni ma anche sfilate con modelli e modelle giudicati da un’altra giuria altrettanto qualificata, composta dal barone Vitantonio Colucci, dal principe David Vallarelli Braccio D’Oria, da Francesco Li Donni, organizzatore di Puglia Talent per la zona di Foggia e da Ivan Portulano, volto noto in quanto “corteggiatore” nella trasmissione “Uomini e donne” e inviato per “La vita in diretta”.
Tanti i concorrenti in gara fra cui i giovani rappers Kekko Laterza accompagnato dal batterista Danilo Giampaolo e il duo polignanese composto da Paolo Barletta e Valerio Scagliusi che hanno rappato “Parlo senza aprire bocca” brano inedito. La 17enne Virginia Lorusso da Rutigliano ha cantato “Back to black” di Amy Winehouse, la piccola Denise De Giglio si è cimentata con “All the bade base” di Megan Taylor.
Intanto, prima sfilata in stile sport-casual, per modelle e modelli: Angelica Iacovelli, Claudia Bonfiglio, Pietro Campanelli, Maria Pia Brunetti, Floriana Amoruso e Alessandro Ambruoso.
Non solo canzoni ma spazio alle spettacolari coreografie di Gamal e Naima Hassan, maestri danzatori, titolari della scuola di danza orientale e folklore di Fasano “Yalla Dance”. E ancora i piccoli ballerini Tamara Florio e Alessandro Ceci e ancora Lorena e Francesco Lapadula della A.S.D. Havanaloca.
Si prosegue con lo spettacolo non prima di aver intervistato Vitantonio Colucci che ha appena dato alle stampe il suo “Libro bianco”. Un romanzo che è un po’ il racconto della sua vita avventurosa di capitano e di industriale, “un libro che dedico ai giovani” – ha sottolineato l’inossidabile barone.
Tornando alla gara canora, si sono esibiti Domenico Legrottaglie e Tania Moschettini, con un famosa brano dei Modà “Arriverà”, Chiara Amoruso da Foggia che ha cantato “Listen2 di Beyonce. Quindi spazio alla seconda sfilata dei modelli in abito elegante. Grandi apprezzamenti da parte di pubblico e giuria che assegna le fasce della serata ad Angelica Iacovelli e a Claudia Buonfiglio, una menzione particolare per Pietro Campanelli, molto bravo e sicuro e con una somiglianza inconfondibile con un mostro sacro del cinema come Richard Gere.
Un altro spazio di spettacolo dedicato alla esibizione dei campioni di kickboxing Giampiero Sportelli, campione del mondo professionisti nel 2013 e Francesco Cisternino, con alle spalle già due titoli di campione italiano dilettanti. Si ritorna a cantare e affascina per le sue qualità canore, il timbro, l’estensione vocale, la tecnica Anna Teresa Rubino, che già nella finale estiva 2015 si era distinta vincendo per la provincia di Foggia. Ha cantato “Alleluya” nella versione di Alexandra Burke. Applausi a scena aperta per lei. Grande interpretazione anche quella di Maria Teresa Amato, anche lei vincitrice della finale di Puglia Talent 2015 per la provincia di Brindisi. Amato, accompagnata da Pietro Salamida alla chitarra e Giovanni Gentile al basso, ha cantato “When You say nothing at all” di Ronan Keating. Infine Roberta Paglionico da Bari che ha proposto il “lato destro del cuore” di Laura Pausini. E proprio queste tre cantanti sono state premiate dalla giuria di esperti. In particolare alle prime due è stato proposto in chiusura di cantare un brano inedito da loro composto e se la sono cavata davvero alla grande. Amato, Rubino e Paglionico si sono quindi già assicurate un posto per la finale di Puglia Talent 2016 e con pieno merito, come ha sottolineato anche il presidente della giuria tecnica il discografico Francesco Falzarano. Per tutti gli altri concorrenti la possibilità di partecipare alle prossime tappe di Puglia talent 2016, come sottolineato dal presidente Michele Pezzolla.

B.S.

Comments are closed.